Home I VIAGGI DI SONJA Vivere Todi, nel suggestivo borgo qualche giorno o tutta la vita?

Vivere Todi, nel suggestivo borgo qualche giorno o tutta la vita?

0
CONDIVIDI

Alcuni anni fa una equipe di ricercatori americani definì Todi “la città più vivibile del mondo”, l’architetto e urbanista Richard Levine della Università di Lexington aggiunse che Todi era quanto di meglio si potesse desiderare sulla terra. Una città perfetta, un microclima invidiabile, una città né troppo grande né troppo piccola, e un rapporto con l’ambiente invidibiale e io personalmente dopo averla visitata più volte non posso che unirmi a questa affermazione, considerando quindi Todi una delle città medievali più belle ed eleganti di tutta l’Umbria, posta in collina ad un’altezza tale da poter dominare tutta la valle del Tevere.

In genere per chi viene da Roma come me Todi si visita in una giornata volendo anche andata e ritorno, alcune volte l’ho fatto ma circa un mese fa mi sono voluta invece concedere una vera e propria mini vacanza con tutta la mia famiglia, perché Todi è meravigliosa e volevo piacevolmente immergermi giorno e notte senza dover pensare di tornare a casa, e poi con piu giorni a disposizione i dintorni sono talmente belli da visitare che a questo punto consiglierei per chi desiderasse visitare l’Umbria di soggiornare almeno una settimana e di scegliere proprio Todi come base perché da qui si raggiungono a breve distanza città dalla bellezza inconfondibile come Orvieto, Perugia, Narni e l’emozionante città fantasma più famosa al mondo: Civita di Bagnoreggio .

Per assaporare quindi meglio tutte le carattestiche di Todi ho scelto un appartamento, scelto con cura e consigliato da un agente immobiliare che lo propone con formula “affitto breve”, e vedendo tutte le carattestiche sul suo sito me ne sono subita innamorata e ho voluto trascorrere proprio qui il mio lungo week end.

L’appartamento si trova subito dopo l’accesso ad una delle cinque porte di ingresso di Todi: Porta Perugina, ce ne sono altre quattro Porta Orvietana, Porta Amerina, Porta Santo Stefano e Porta Romana.

Dall’ingresso quindi di Porta Romana dove subito prima si trova un comodo parcheggio per auto, si arriva nel giro di pochi minuti a questo appartamento che a dire il vero dal vivo ho trovato ancora più bello che in foto. Già l’ingresso tutto in pietra mi ha fatto innamorare, poi appena entrata ho trovato una rampa di scale  (che mio figlio piccolo ha subito apprezzato facendo su e giu come fosse un gioco) che mi ha condotto nel soggiorno dove si trova poi una bella cucina rustica e un balcone da dove si può  ammirare tutta la vallata circostante immersa nel verde, le camere da letto sono al piano superiore da dove si accede con degli scalini dalla cucina e anche lì un grazioso balconcino. Ho trovato questo appartamento delizioso, arredato con mobili antichi che mi hanno tanto riportato alla mia infanzia, a quel sapore di tradizione che non passa mai di moda.

E’ come trovarsi in un borgo nel borgo , per i più sportivi si potrebbe arrivare in centro città anche a piedi direttamente fuori l’appartamento ma io sinceramente ho sempre preferito la macchina.. Todi è sì bellissima ma anche molto in salita….

Nella vostra visita a Todi voglio consigliarvi quelli che a mio avviso sono dei “must”:

  • Piazza del Popolo è sicuramente il punto nevralgico e imperdibile di una prima visita a Todi. Il cuore della città è proprio qui, dove tutti gli abitanti e i turisti amano ritrovarsi. Dalla piazza si può ammirare il Palazzo Comunale, il Palazzo del Capitano e il Palazzo dei Priori. Spicca tra tutti i monumenti sicuramente il Duomo con la sua suggestiva scalinata, percorrendo tutti i gradini arriverete al punto piu alto da dove potrete ammirare tutta la piazza nella sua totale bellezza.
  • Una visita la merita poi sicuramente La Chiesa di San Fortunato a pochi minuti a piedi dalla piazza. Ricordate la scalinata del Duomo? Qui gli scalini sono addirittura il doppio, c’è una vera e propria doppia scalinata che porta all’ingresso della chiesa. Tale chiesa venne costruita in memoria del Patrono della città Jacopone da Todi, personaggio alquanto discusso e controverso che venne addirittura incarcerato e scomunicato perché oppositore del papa Bonifacio VIII, ma che la sua vita da frate passando per molte tribolazioni è nota e cara a tutti gli abitanti. All’interno da ammirare la cripta dove si trova la tomba appunto di Jacopone, e un affresco molto suggestivo di Masolino da Panicale dove viene raffigurata la Madonna con Bambino e due angeli agli estremi
  • Se avete tempo visitate anche il Tempio di Santa Maria della Consolazione che sorge proprio ai piedi di Todi. E’ il più alto esempio di arte rinascimentale in tutta l’Umbria, molto suggestiva la sua storia in quanto in questa chiesa venne costruita sul luogo dove si narra che ci furono guarigioni miracolose, un operaio totalmente cieco da un occhio ebbe l’incarico di ripulire l’area dove oggi sorge il tempio da un insieme di rovi , ripulì anche un dipinto della Madonna che si trovava presso una delle porte di ingresso della città e con quello stesso fazzoletto si asciugò poi il sudore dal viso e riacquisto’ improvvisamente la vista.
  • Vi consiglio sicuramente una full immersione nel cuore medievale della città, perdervi tra le vie della città dove tra stretti vicoli verrete colpiti dalle botteghe degli artigiani che qui sono ancora molto frequentate, incontrete barbieri che hanno lasciato la propria bottega con il vecchio stile inconfondibile di un tempo, dove si andava appunto a farsi la barba o i capelli solo per chiacchierare un po’ con qualcuno. E poi tantissimi negozi di artigianato antico e moderno, si potrebbero trascorrere delle ore interminabili ammirando solo le vetrine
  • Vi consiglio poi una visita al Palazzo del Vignola non tanto per il palazzo in sé ma perché è molto commovente ammirare anche solo dall’esterno questo palazzo che è stato purtroppo protagonista di uno spaventoso incendio che nel 1969 si propagò al suo interno. Da sempre sede di mostre di antiquariato a livello nazionale quel maledetto 25 aprile di quasi 50 anni fa per ragioni ancora inspiegabili prese completamente fuoco l’intero palazzo, al suo interno c’erano circa 150 persone che hanno cercato in tutti i modi di scappare da quel rogo infernale , chi calandosi dalle finestre, e chi cercando qualsiasi tipo di fuga, ma parecchi che purtroppo erano incastrati all’ultimo piano non ce la fecero e perirono miseramente. Questa tragedia servì però a modificare le normative anti incendio, cosa che fu resa necessaria anche perchè anche a Torino nel 1993 si propogò uno spaventoso incendio nel Cinema Statuto e tutto ciò fu reso necessario

DOVE MANGIARE

Mangiare in Umbria è forse uno dei piaceri della vita … la nostra bella Italia per fortuna nulla ha da invidiare in quanto a cucina e prelibatezze. Diciamo che a Todi c’è solo l’imbarazzo della scelta, io vi consiglio un posticino intimo proprio in una delle vie di Piazza del Popolo , che ho scoperto quasi per caso, altri ristoranti scopriteli voi perché sono veramente tutti deliziosi

RISTORANTE LA MANGIATOIA

Locale delizioso situato in una delle vie del centro storico accanto a Piazza del Popolo . Nasce come una mangiatoia e da lì prende il suo nome.

Tutte le specialità del menù vengono fatte al momento, niente di precotto o cucinato. Se potete scegliete uno dei tavolini posti sulla strada perché non c’è niente di più bello sia di giorno che di sera che mangiare ammirando le strette vie della città e le sue mura antiche.

http://ristorantelamangiatoia.it/

DOVE DORMIRE – CONTATTI

Dott.ssa Lucia Polidori

Consulente Immobiliare e Professional Training

Iscr. REA n°  RM 1167255 Agenti di Affari in Mediazione Roma

Iscr. Ordine degli psicologi del lazio n. 2234

mail: info@luciapolidoriliolli.it

Tel: 06 87130526 – 328 4231041

www.luciapolidoriliolli.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

,