Home I VIAGGI DI SONJA I VIAGGI DI SONJA. Visitiamo insieme uno dei più bei Borghi d’Italia,...

I VIAGGI DI SONJA. Visitiamo insieme uno dei più bei Borghi d’Italia, riscopriamo la nostra amata Umbria, per il vostro prossimo week end scegliete Trevi

0

Adagiata sulle rive del Clitunno esiste una cittadina medievale di rara bellezza, un borgo a forma di chiocciola che spinse Giacomo Leopardi a dedicarle alcuni versi tanto ne era rimasto affascinato, stiamo parlando di Trevi nell’Umbria

di Sonja Marigliano.

Trevi è stata per me una piacevole scoperta ma devo essere sincera nel dirvi che per la prima volta in vita mia il desiderio di alloggiare in un casolare immerso nella natura lungo le rive del fiume Clitunno è nato prima della voglia di esplorare questo magnifico borgo. Mi è successo per caso di acquistare nel 2012 una rivista che raccomandava ai suoi lettori di alloggiare nella Country House Casco dell’Acqua e rimasi talmente affascinata dalla struttura che solo in un secondo tempo mi informai di dove fosse ubicata, il mio desiderio era soltanto quello di alloggiare lì, ovunque fosse. Per mia fortuna il casolare non era molto distante da Roma, solo 157 km di distanza ma sarei stata disposta a farne molti di più per quanto ne ero rimasta colpita. Quando decidemmo di farci questo breve week end in Umbria ormai quasi 5 anni fa eravamo un po’ stanchi, il nostro piccolo era nato da appena 8 mesi e avevamo desiderio assoluto di staccare la spina, le nostre esigenze erano sicuramente quelle di trovare un rifugio tranquillo, un’oasi di pace in mezzo al verde, di ascoltare lo scorrere lento del fiume e di vederne anche le sue verdi sfumature, di emozionarci di fronte ad un enorme campo di lavanda, tutto questo si è materializzato davanti ai nostri occhi appena giunti a Casco dell’Acqua. Siamo stati accolti dal proprietario Luigi che ci ha guidati un po’ per tutta la struttura facendoci prendere confidenza con l’ambiente e ricordo che ogni angolo incantato di natura colpiva la mia attenzione, ma più di ogni altra cosa mi innamorai letteralmente del ponticello che bisognava percorrere per entrare nella tenuta.
Mi accorsi poi di una magnifica piscina di acqua salata immersa proprio nel verde con una vista mozzafiato e decisi che la prima cosa che avrei fatto dopo aver posato le valigie sarebbe stata proprio quella di “immergermi” letteralmente in un questo scenario.
Prima quindi di andare ad esplorare Trevi e le sue meraviglie ci siamo concessi una bella mattinata/pomeriggio in piscina con questo paesaggio spettacolare denso di natura e quasi non avevamo voglia di fare altro. Appena giunti nell’ appartamento per lasciare le valigie sono rimasta veramente impressionata dalla cura dei dettagli della nostra camera Maderno. Pavimento in cotto, bagni nuovissimi, piano cottura ad induzione, intonaci a calce, insomma una vera meraviglia, ho saputo poi che il proprietario “architetto” Luigi aveva disegnato proprio questi ambienti. Il nostro piccolo che in genere è sempre stato vivacissimo da neonato in questo ambiente si è rilassato gradevolmente a tal punto che quando lo abbiamo immerso dentro la piscina con il suo canottino si è addormentato anche perché cullato dalla musica da camera di sottofondo che i proprietari avevano diffuso.
A fatica ci siamo poi imposti di uscire e visitare il borgo, non perché non ne valesse la pena ma come vi dicevo prima semplicemente perché stavamo troppo bene nella nostra dimora.
Trevi è veramente un incanto, immersa tra gli ulivi e così arroccata ti colpisce fin da subito. Per arrivare al centro storico si incrocia il Santuario della Madonna delle Lacrime ed essendo io molto devota non mi sono lasciata sfuggire quest’occasione. In questo santuario si dice avvenne un fatto miracoloso, da un dipinto della Vergine Maria scesero delle lacrime e dal quel momento in poi si susseguirono alcuni miracoli. Le cappelle sono state affrescate con dei dipinti meravigliosi: l’Adorazione dei Magi risalente al 1522 e la Deposizione di Giovanni del 1520.
Il centro storico si racchiude intorno a Piazza Mazzini, piccolina ma molto caratteristica dove troviamo il Palazzo Comunale e la Torre Civica. Numerose sono le chiese che si susseguono per il borgo, La chiesa di San Francesco e il suo complesso museale della Civiltà dell’Olivo , la chiesa di Sant’Emiliano intitolata al primo vescovo di Trevi, La chiesa di San Martino sono quelle che abbiamo visitato ma credo che ce ne siano altre compreso il convento di Santa Chiara che non abbiamo però avuto modo di vedere. La bellezza però di questi borghi consiste proprio nel girovagare per le strette vie medievali senza una meta e di lasciarsi incantare da ogni angolo, acquistando ogni sorta di ben di Dio culinario ma soprattutto vi consiglio di visitare se possibile qualche frantoio perché qui a Trevi l’olio è veramente ottimo e di qualità superiore, non a caso infatti Trevi ha l’appellativo di Città dell’Olio.
Ritornati poi nella nostra dimora decidemmo di cenare proprio qui, difatti questa volta non riesco a consigliarvi una trattoria nel centro di Trevi perché abbiamo fatto una vera full immersion in questa magnifica country house e non ci siamo lasciati sfuggire i piatti semplici della tradizione cucinati con maestria credo dai familiari stessi.
La mattina successiva prendemmo invece le biciclette messe a disposizione degli ospiti e portandoci comodamente anche il nostro piccolino ben ancorato al suo seggiolino decidemmo di farci un bellissimo giro lungo la ciclabile del fiume per arrivare fino alle Fonti del Clitunno. Un’esperienza magnifica, rilassante, che ti fa immergere letteralmente dentro una natura paradisiaca. Avrei voluto visitare l’Abbazia di Sassovivo che si trova a circa 6 km da Foligno ma con un bambino di 8 mesi che reclamava la sua pappa e che cominciava ad agitarsi abbiamo preferito ritornare nel nostro angolo incantato però se potete vi consiglio questa escursione se siete amanti dei luoghi mistici e dell’assoluto silenzio dei boschi.
Da Trevi le escursioni che si possono effettuare lungo il territorio sono molteplici, noi in altre occasioni avevamo già visitato tutte le città più importanti e quindi in questo viaggio scegliemmo solo questo grazioso borgo ma vi consiglio caldamente di considerare Trevi e Country house Casco dell’Acqua come base di appoggio per recarvi ad Assisi, Spello, Foligno, Bevagna, Montefalco, Gualdo Cattaneo, tutte molto vicine e meravigliose. La nostra amata Italia è piena di luoghi affascinanti ma non mi sbilancio nel dire che l’Umbria in particolare è una regione di particolare bellezza dove sono racchiusi tesori inestimabili, già soltanto una città come Assisi meriterebbe tutta l’attenzione del mondo a mio parere e non c’è un angolo di questa amata terra che non valga la pena di essere esplorata. Quindi cosa aspettate? Prenotate il vostro viaggio…..

I consigli di Sonja

Alloggio a Trevi
Country House Casco dell’Acqua

Tipica casa colonica della campagna umbra, sulle sponde del fiume Clitunno, il cui edificio principale risale ai primi del settecento.
Il casolare offre 6 splendidi alloggi , un monolocale, tre bilocali, un trilocale e un appartamento . A disposizione degli ospiti una magnifica piscina panoramica con acqua salata e possibilità di cenare presso la struttura.
Indirizzo: Via Casco dell’Acqua 15/d, 06039 Trevi (PG)

www.cascodellacqua.it/

 

I “must” da non perdere

Visita all’antico Frantoio di Trevi, una visita guidata integrata dalla proiezione di un video con possibilità di degustazione. Tutte le informazioni su
www.oliotrevi.it

Abbazia di Santa Croce in Sassovivo

A soli 6 km da Foligno, scenografica abbazia alle pendici del Monte Serrone fondata nella seconda metà del secolo XI dai Monaci benedettini, dal 1979 l’abbazia è però stata assegnata ai “Piccoli Fratelli” e “Piccole Sorelle” della Comunità di Charles de Foucauld

http://www.sistemamuseo.it/ita/2/musei/159/foligno-umbria-abbazia-di-santa-croce-in-sassovivo/