Home I VIAGGI DI SONJA I VIAGGI DI SONJA Capoluogo della Riviera del Corallo, la nostra Barcellona...

I VIAGGI DI SONJA Capoluogo della Riviera del Corallo, la nostra Barcellona italiana ci accoglie in tutto il suo splendore, scopriamo la catalana Alghero

0

Alghero è una destinazione affascinante, un borgo perfettamente integrato tra mare e paesaggi, tra storia e cultura e con temperature miti tutto l’anno che invogliano il turista a visitarla anche fuori stagione.

di Sonja Marigliano.

Alghero è la più spagnola delle città sarde e questo lo si deve alla sua dominazione aragonese che durò per lunghissimi anni, e per le sue ovvie influenze catalane Alghero è quindi anche conosciuta come la Barcelonata italiana e chi ha visitato questa città spagnola comprende molto bene questo accostamento perché ad Alghero si respira esattamente quell’aria festosa e gioiosa delle ramblas, una movida intensa che la rende veramente molto simile a Barcellona.  Aldilà di questo clima allegro e gioioso  ciò che la contraddistingue   è sicuramente il suo mare, stupendo e straordinario con sfumature degne dei Caraibi, un colore intenso che ti colpisce al cuore.. io l’ho adorata al primo sguardo e penso sia la città sarda più bella in assoluto.

L’ho visitata 5 anni fa ma il suo ricordo è ancora ben impresso nella mia mente, adoro coniugare il bel mare con una città cosmopolita e in Sardegna talvolta questo connubio manca, ho invece veramente apprezzato Alghero dove questi due aspetti si fondono piacevolmente.

Per il nostro soggiorno ad Alghero scegliemmo quell’anno un Country Resort a 10 km circa dalla città immerso nella campagna algherese, il nostro bambino aveva appena 9 mesi e volevamo alloggiare in un luogo non molto distante dal centro ma immerso nella natura e nella tranquillità più assoluta, l’Alghero Resort  Country Hotel fu la scelta perfetta. All’ombra degli ulivi questo luogo è veramente un oasi di benessere per i propri ospiti, siamo stati accolti con amorevole cura dai proprietari e da tutto lo staff e questo lo ricordo molto bene perché venivo da un periodo un po’ stressante e di scarso riposo (chi ha figli piccoli può capire) ed essere avvolti da un senso di pace e serenità e con tutte le cure possibili è stato per me davvero un toccasana in quel momento. Siamo stati accompagnati nella nostra camera e le mie aspettative vennero totalmente soddisfatte, talvolta le immagini che si vedono su internet non rispecchiano sempre la realtà.. in questo caso la realtà ha superato le aspettative, pur avendo scelto una camera classic la trovammo perfetta, bellissima, pavimenti in cotto smaltato, ampie vetrate, bagno pulitissimo, spazio esterno con veranda, un vero spettacolo! Immagino come siano splendidamente curate anche tutte le altre camere visto che questa era una “classic”, ci sono anche superior, deluxe, comfort, junior suite e suite! Spesso nei miei racconti di viaggio scrivo sempre che preferisco posti intimi e familiari rispetto a mega strutture direttamente sul mare che offrono tutti i servizi possibili, posso dire però che in questo caso abbiamo cercato e trovato un luogo che offrisse tutto questo e molto altro rispettando quel senso intimo e familiare che non deve mai mancare nelle mie scelte.  Qui all’Alghero Resort c’è veramente un po’ di tutto, dal benessere Spa con idromassaggio, Hamman, Sauna alla ristorazione eccellente con il Ristorante “Il Carrubo” che delizia i propri ospiti con piatti tradizionali e nel quale immancabili sono i pani tipici sardi che ho adorato come il Carasau, il Pistoccu e lo Zichi, per continuare poi con il maneggio , corsi di Yoga (mio marito ha molto apprezzato le lezioni mattutine e il risveglio muscolare) e campi da tennis per finire a rilassarsi nella magnifica piscina circondata dal giardino, tutto questo però rispettando rigorosamente l’ambiente circostante e garantendo sempre ai propri ospiti quel senso di benessere e tranquillità che contraddistingue il resort. Quello che ritengo poi fondamentale è  il contatto umano, senza il quale anche un soggiorno a 5 stelle diventa faticoso e qui ho trovato invece tanto calore e premura,  tutto lo staff si prodigava per le pappe del bambino da portar via anche per il pranzo in spiaggia e si faceva quasi fatica ad andare via la mattina  per immergerci nelle acque turchesi di Alghero…

La spiaggia più famosa della zona di Alghero è sicuramente quella delle Bombarde dove l’acqua è così trasparente che si intravede il fondale già da lontano, qui si possono praticare numerosi sport acquatici e i servizi sono assicurati. C’è poi la Spiaggia di Mugoni un po’ più selvaggia, la Spiaggia di Porto Conte affiancata dalla foresta protetta “Le Prigionette” meta apprezzata dalle famiglie perché protetta dai venti e quindi molto agevole anche per i bambini, c’è poi la Spiaggia del Lido di Alghero la spiaggia diciamo cittadina che io ho trovato meravigliosa e dove poi andavamo spesso, sabbia finissima, acqua cristallina, di un azzurro intenso e facilmente accessibile in quanto si può raggiungere comodamente dal centro storico, è la spiaggia dei turisti ma soprattutto dei cittadini di Alghero e secondo me è veramente da consigliare anche per la vicinanza al centro per una passeggiata dopo un bagno ristoratore.

Ci siamo concessi con estrema letizia intere giornate in spiaggia e abbiamo cercato di godere appieno di quel tempo meraviglioso, ma avevamo comunque in mente di fare qualche escursione e la prima scelta in assoluto è stata Stintino che credo sia quasi d’obbligo vista la bellezza “maldiviana” di cui tutti parlano ma ci siamo concessi ancora qualche altro giorno di relax solo ed esclusivamente ad Alghero assaporando anche la sua arte culinaria. Ebbene sì pur apprezzando moltissimo il ristorante interno del nostro resort volevamo anche provare altre realtà e qui ad Alghero abbiamo trovato posti deliziosi. Prima di tutto bisogna che io citi assolutamente il Pedramare, locale con la più bella e straordinaria vista sul promontorio di Capo Caccia, siamo stati dei privilegiati lo ammetto, proprio in quel periodo siamo stati invitati ad un matrimonio e penso di non aver mai visto un locale con una vista così suggestiva. Capocaccia è un promontorio  di roccia calcarea che si erge con imponenza sul mare con la sua attraente bellezza, uno spettacolo da non perdere dall’alto di questo famosissimo ristorante di zona.

Per immergervi invece in un tipico ambiente spagnolo dove farete fatica  a capire che non vi trovate a Barcellona ma bensì ad Alghero dovete recarvi alla Boqueria , ristorante che si nasconde perfettamente tra i banconi del pesce al Mercato civico del centro di Alghero e nel quale troverete ovviamente specialità di pesce crudo e alla brace, imperdibile!

Dopo un pranzo o una cena è d’obbligo sicuramente una bella passeggiata in città che noi abbiamo fatto partendo dai Bastioni che racchiudono il centro storico dentro un percorso che specie nelle giornate estive è piacevolmente percorribile. Si può partire dal Lungomare Dante seguendo poi il lungomare Cristoforo Colombo e Marco Polo imbattendosi in un susseguirsi di antiche torri fortificate. La città vecchia è un incanto e proprio tra le sue stradine e i suoi vicoli piene di botteghe artigiane ci si trova il Palazzo d’Albis celebre per aver ospitato l’imperatore Carlo V, la Cattedrale di Santa Maria , la Chiesa di San Michele, la Chiesa e Chiostro di San Francesco, una città ricca di cultura ed  è un vero piacere visitare accuratamente tutto il suo interno. Di sicuro è però veramente suggestiva la sua passeggiata al tramonto quando il lungomare e i suoi bastioni sono appena illuminati dalle luci dei lampioni, per una romanticona come me un vero incanto.

Prima di fare ritorno a casa come sempre mi lascio una vera chicca da visitare alla fine, per lasciare meglio impresso il suo ricordo, e sicuramente la spiaggia di Stintino non poteva mancare all’appello. Avrei voluto essere più originale sinceramente e trovare qualche altro appellativo per la spiaggia della Pelosa di Stintino che non fosse “caraibica”, troppo spesso l’ho sentito dire e talvolta poteva sembrarmi una esagerazione ma anche io farò parte della massa e devo ammettere di non aver mai visto una spiaggia così bella dai colori che vanno dal blu intenso al turchese con sfumare di celeste chiaro… come si fa a non innamorarsi di Stintino? Spiaggia bianchissima di sabbia fine che purtroppo si fa fatica a vedere in alta stagione.. l’unica nota negativa di questo posto è infatti la troppa affluenza da parte di turisti sia a luglio ma ancor di più ad agosto. Una fila interminabile di ombrelloni fanno da scenario ahimè a questa spiaggia ma è lo scotto da pagare, tutti vogliono passare una giornata, un week end , un mese in villeggiatura in questo paradiso e come dare torto a tutti? Anche noi abbiamo fatto la stessa cosa e ci siamo concessi una intera giornata nei caraibi italiani.  Ho passato il tempo immersa dentro queste acque dalle mille sfumature di colori e anche se avevo freddo ad un certo punto continuavo a rimanere immersa per rimanere ancorata con lo sguardo verso l’orizzonte per imprimere bene bene il ricordo nella mia memoria, come fosse una fotografia. Nella zona di Stintino , il cui piccolo borgo di pescatori ho trovato delizioso, ci sono anche tantissime altre spiagge degne di nota tra cui La spiagga delle Saline e di Ezzi Mannu, e poi sicuramente consigliabile una escursione all’Asinara proprio difronte La Pelosa .Il Parco Nazionale dell’Asinara è un’area naturale protetta,  al suo interno un antico carcere dismesso nel 1998 e tantissime sono le erscusioni che vengono effettuate giornalmente per visitare questa isola incontaminata.

I nostri giorni ad Alghero volgono al termine ma il viaggio continuerà poi alla volta del Sinis, una zona veramente incontaminata e suggestiva della Sardegna di cui spero di potervi raccontare presto. Per il momento mi auguro di aver suscitato il vostro interesse per Alghero così da prenotare al più presto un soggiorno di puro relax immersi nella natura rigogliosa dell’Alghero Resort

 

Consigli di Sonja:

Alloggio ad Alghero

Alghero Resort

Boutique Hotel con Spa immerso nelle colline di Alghero, relax assoluto e benessere all’ombra di palme ed ulivi. Camere rifinite e realizzate con estrema cura a partire dalle classic alle suite deluxe.  Area Wellness con hamman, idromassaggio, sauna, docce emozionali, massaggi e possibilità di pacchetti personalizzati benessere. Ristorante interno “Il Carrubo” specializzato in piatti tradizionali sardi, piscina, campi da tennis e per gli appassionati di equitazione a due passi dal resort troverete il maneggio “Il Grifone” che organizza escursioni a cavallo.

http://www.algheroresort.it/

Indirizzo: Via Carrabuffas  – 07041 Alghero tel. 079 986 555

 

Ristoranti ad Alghero

PEDRAMARE

Risto Bar situato tra mare e collina. Suggestiva vista sul promontorio di Capocaccia, servizio accurato e location ideale per eventi importanti e matrimoni.

http://lnx.pedramare.com/

Indirizzo: SP 105 Km 11,2 – Villanova Monteleone tel. 334 944 1136[/fusion_text]